Preparativi.

Giornata di preparativi per il pranzo di Natale, mi piace cucinare, ma di solito ho poco tempo per farlo, invece durante le vacanze il tempo c’è e c’è anche la necessaria tranquillità.

Procedo con ordine: prima compilo il menù, che comprende i piatti preferiti da ciascuno di noi, poi vado a fare la spese, mi piace uscire col freddo pungente, vado per negozi con calma tanto qui c’è poca gente, la massa dei turisti natalizi non è ancora arrivata tra le mie montagne, il paese si riempirà solo a Santo Stefano, quindi posso permettermi il lusso di fare persino quattro chiacchiere con i negozianti mentre acquisto in assoluto relax.

La tavola natalizia ha dei profumi particolari che sono quelli della mia infanzia, come l’aroma delle arance succose appena sbucciata che, quando ero bambina, comparivano solo per Natale, avvolte in carta dorata.

Poi non può mancare la frutta secca, anche quella compariva misteriosamente solo a Natale, con i gherigli di noci racchiusi nei fichi secchi o nei datteri avvolti in un velo sottile di cioccolato fondente.

Ma l’ingrediente assolutamente immancabile è la mostarda di Cremona che accompagna il piatto del bollito, fin da quando ero bambina mi sembrava un cibo misterioso, con i suoi colori vagamente innaturali, il gusto dolcissimo, ma anche piccante, lo sciroppo che gronda lento sul piatto.

In fondo non importa che la tavola sia particolarmente ricca o raffinata, quello che conta veramente è che i sapori sappiano riportare alla memoria i ricordi e le sensazioni di tanti giorni di Natale del passato, con la loro quieta gioia fatta di affetti familiari, di persone che amiamo e che ci sono vicine e di altre che abbiamo amato e che, solo fisicamente, non ci sono più.

mostarda;

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in il piacere del cibo, personali. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Preparativi.

  1. Mariko scrive:

    Come è vero quello che dici, specialmente quest’anno per me, perchè mia madre se ne è andata da poco. In più festeggio il compleanno a Santo Stefano. E proprio quel giorno cucinerò per tutta la famiglia la polenta e la mangeremo sulla spianatoia tutti insieme come piaceva a lei.
    Ti lascio i miei auguri e arrivederci a leggerti al più presto. I tuoi post sono diventati per me come una rubrica fissa sul quotidiano che si legge la mattina.
    Buon Natale

  2. rossored scrive:

    Anche noi festeggeremo all’insegna dei sapori antichi… anche se vorrei tanto quest’anno riuscire a non metter su quei 5 kg in una settimana!!

    http://www.mybaggy.com/index.php?option=com_seyret&task=videodirectlink&id=305

    Auguri (pagani)!!

  3. MULETA scrive:

    Ho pranzato in modo, diciamolo pure, molto abbondante ma dopo aver letto i preparativi del pranzo e visto la foto della mostarda mi rimetterei a tavola.
    SIIII….. mi voglio rovinare.

  4. Gianluca scrive:

    I tuoi pranzetti competeranno con “Ratatuille”.
    Auguri Pina!

  5. chit scrive:

    Giusto, non conta lo sfarzo o la sostanza quanto più la magia di certi odori e certi sapori.
    Tanti auguri di buone festività di tutto cuore,
    un abbraccio

    Chit

  6. MariaNY scrive:

    Buon Natale di cuore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.