In un vecchio palco della Scala.

“In un vecchio palco della Scala, nel gennaio del novantatré spettacolo di gala, signore in decolleteé, discese da un romantico coupee…” cantava il Quartetto Cetra tanti anni fa, beh forse l’atmosfera non era proprio quella, ma l’emozione di sedere in un palco della Scala è veramente unica.

Giovedì scorso, rigorosamente vestita di nero, con un filo di perle e un filo di trucco ho varcato l’ingresso del mitico teatro lirico, quello che i milanesi doc citano con un misto di orgoglio e reverenza.

La Scala risplendeva nel buio, in una Milano lucida di pioggia, l’interno ci ha accolti ovattato, trionfale ma elegante e il nostro palco, minuscolo, ma accogliente, era una piccola nicchia di broccato rosso e stucchi affacciata su una sala gremita.

Dalla sala saliva il brusio del pubblico e dal golfo mistico le voci dissonanti degli strumenti musicali, un attimo prima di diventare orchestra.

Poi cala il buio, il sipario si apre, inizia la musica e sulla scena cominciano a danzare i ballerini dai corpi snelli ed aggraziati, ma incredibilmente forti, i gesti esprimono i sentimenti seguendo le note, le geometrie dei movimenti raccontano storie semplici o complesse e la musica immortale e lieve di Mozart riempie lo spazio.

L’incanto ruba il tempo, lo spettacolo sembra durare lo spazio di un soffio, le luci si riaccendono e, quasi a malincuore, ci si avvia verso l’uscita, non è ancora il momento dei commenti, i sensi sono ancora rapiti dall’emozione, fuori è freddo e cade una pioggia sottile, su questa Milano splendida, tirata a lucido per gli ispettori dell’Expo.

La serata è stupenda, il balletto è stupendo e la Scala il teatro più bello del mondo.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, e adesso musica, Milano nel cuore, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.