Profumo di festa.

La prima domenica di ottobre, nel paese in cui vivo, è un giorno di festa, anzi è la festa patronale per eccellenza visto che gli abitanti preferiscono, da sempre, affidarsi alla Beata Vergine del Rosario, piuttosto che al meno quotato San Giulio, al quale è dedicata la chiesa parrocchiale.

Un tempo si trattava di una festa importante, degna di grandi pulizie e grandi preparativi, in tutte le case si cucinavano cibi inusuali, si decoravano con festoni colorati cancelli e balconi, si toglievano dalla naftalina i vestiti “buoni”, si indossavano i gioielli e poi si andava per le strade e, per tutti, era un’occasione di incontro, era il giorno nel quale anche chi era andato a vivere altrove tornava al paese per salutare parenti e amici e fare una scappata al cimitero.

Oggi il paese, come molti dell’interland milanese, è cresciuto a dismisura e ha perso un po’ l’identità e le tradizioni: c’è ancora la processione serale, c’è ancora la pesca di beneficenza, ci sono ancora le giostre, anche se confinate ai margini dell’abitato, c’è il mercatino, che oggi ospita quasi unicamente antiquariato e lavori artigianali, ma manca l’atmosfera semplice e ingenua che caratterizzava la festa nel passato.

L’unico dettaglio veramente immutabile è la torta paesana (o paciarella, o torta di pane): un dolce sostanzioso che ha, come ingredienti principali, il pane raffermo e il latte: è un piatto che ha il sapore del passato, che ricorda un tempo in cui si era più poveri e anche la festa era onorata in modo sobrio (come spesso succedeva nel mondo contadino).

Un tempo le donne preparavano l’impasto e lo portavano a cuocere nel forno del pane, oggi, grazie anche alla diffusione di forni ad alta tecnologia, il profumo del cacao inonda le scale dei condomini e risveglia la memoria del passato.

torta paesana

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Profumo di festa.

  1. stenet scrive:

    Ma di dove sei?Anche da me c’è la torta paesana! 🙂

  2. Pepenero scrive:

    oltre alle memorie del passato dovrebbe risvegliare anche un certo appetito!

  3. clio scrive:

    Cara Sciura Pina
    io abito a Gessate ed oggi anche al mio paese è la festa della paciarella.Che coincidenza.
    Ciao
    Clio

  4. Lupo Sordo scrive:

    Molte volte si insegue il progresso dimenticando le cose belle

  5. Sciura Pina scrive:

    @Clio ed io a Cavenago (saranno sì e no quattro chilometri…)

  6. Dak scrive:

    Da leccarsi i baffi……Un saluto Dak

  7. Dak scrive:

    La pesca di beneficenza con la solita bici appesa che nessuno mai vince?????Solitamente io vinco sempre un secchio o le mollette!!!!!ciao Dak

  8. Gianluca scrive:

    Che buona la torta paesana!

  9. è vero, queste antiche tradizioni si stanno perdendo. io personalmente non le ho mai vissute, anche se ogni agosto e settembre la mia cittadina e quelle limitrofe si riempiono delle solite ed eterogenee tamarrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.