Ristrutturazioni.

Un altro week end in montagna: c’è un clima quasi estivo, il cielo è velato, fa caldo anche se, ogni tanto, si muove una brezza leggera, i prati sono punteggiati di fiori, non i crochi, i primi fiori che spuntano quando si scioglie la neve, ma primule, violette, erica e migliaia di fiorellini più anonimi , ma coloratissimi.

Andiamo a fare una bella passeggiata in una zona di alpeggi, era da luglio che non passavo da queste parti e devo dire che il paesaggio è abbastanza mutato: dappertutto sono aperti dei cantieri, si tratta soprattutto di ristrutturazioni di vecchie cascine che, come per magia, crescono, si allargano, si allungano e si trasformano in vere e proprie ville, con muri in pietra e travi in legno, graziose ed accoglienti, ma che sicuramente non hanno nulla a che vedere con le costruzioni originarie.

Anche i sentieri, che erano piuttosto stretti e impervi, si sono trasformati in strade larghe, sterrate, dove possono passare agevolmente ruspe e camion: ho l’impressione che, senza far troppi clamori, questo pezzo di montagna si stia urbanizzando e la prospettiva francamente non mi piace.

Il fascino di questi luoghi è legato, oltre al panorama e all’aria buona, alla loro relativa inaccessibilità che assicura silenzio, interrotto solo dai campanacci delle mucche, e tranquillità, invece si vedono già le conseguenze dei mutamenti: moto che passano rombando ed obbligandoci a rifugiarsi sul bordo della strada, fuoristrada ingombranti, rumorosi e relativamente puzzolenti, che si inerpicano senza difficoltà obbligandoci a scappare nei pascoli.

Camminare a piedi sta diventando davvero un’impresa, bisognerà rassegnarsi e cercare qualche luogo non ancora (per ora) contaminato dalla ristrutturazione selvaggia e dalle relative infrastrutture, purtroppo, però, basta un vecchio rudere, bastano quattro pietre perché inizino i lavori.

Non sono contraria al progresso e alle comodità, perbacco anche a me piace abitare in una casa comoda, riscaldata, confortevole, però mi rattrista vedere la montagna devastata, gli alberi sradicati, i sentieri stravolti e il silenzio cancellato dai rumori del traffico.

viole tricolor

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in ecco perché mi lamento, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ristrutturazioni.

  1. ABS scrive:

    Ma che tristezza… vedo che tutto il mondo è paese… Bellissimi i fiorellini variopinti.

  2. kiara scrive:

    Concordo in pieno, da quando sono in campagna hanno aperto sei cantieri, per aprirne uno addirittura hanno sradicato un centinaio di ulivi..
    Baci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.