…E poi diventano grandi.

Quando sono in terza media e l’anno scolastico è agli sgoccioli vengo afferrata da una specie di inquietudine, mi illudo che sia l’imminenza degli esami, con tutti gli adempimenti e le lungaggini burocratiche che comportano, ma in realtà non è così.

Piano piano prendo consapevolezza che i bambini di tre anni fa sono cresciuti, non solo fisicamente, ed è giunto per loro il momento di andarsene, di affrontare l’esperienza della scuola superiore, di lasciare l’ambiente “protetto” in cui hanno vissuto per tre anni.

E’ naturale ed è giusto che sia così, ma ai ragazzi mi affeziono e mi fa un po’ dispiacere il senso di aspettativa con cui si proiettano verso il futuro, lasciandomi qui a ricominciare di nuovo dalla prima.

So che potrei sembrare egoista, ma è difficile fare i conti con i sentimenti.

So che li incontrerò spesso per strada, il paese è talmente piccolo, so che qualcuno mi correrà incontro festoso per raccontarmi i suoi successi, mentre qualche altro cercherà di evitarmi per paura di domande incresciose.

Quanti ne ho visti passare!

Qualcuno ha frequentato con successo Università prestigiose, qualcuno è diventato un serio artigiano, qualche ragazza spinge per la strada una carrozzina o tiene per la mano un bimbo, mentre si avvia alla scuola elementare, qualche altra ha l’aspetto sicuro di una donna in carriera, qualcuno è felicemente sposato, qualcuno ha visto naufragare il suo matrimonio, qualcuno viene a scuola per il colloquio con gli insegnanti, facendomi così scoprire che ormai sono arrivata alla seconda generazione.

Stando sempre in mezzo ai ragazzini non mi rendo conto del passare del tempo, mi sembra di essere sempre la stessa, nonostante i capelli grigi, gli occhiali da presbite e il fisico non più scattante.

E’ un bel lavoro il mio: ogni tre anni mi consente di ricominciare, come se fosse un elisir di eterna giovinezza, ogni volta mi consente di affrontare una nuova sfida, di vivere di nuovo la stupenda avventura di stringere rapporti umani con dei bambini ed aiutarli a diventare adolescenti, mi permette di lasciare un’impronta nella loro vita…spero solo di non far danni.

foglie dorate

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

6 risposte a …E poi diventano grandi.

  1. Mariko scrive:

    E’ sempre molto bello leggere e capire con quanta passione svolgi il tuo lavoro e la frase conclusiva ne è la riprova!
    Buon fine settimana
    Mariko

  2. Gianluca scrive:

    Quali danni?
    Sicuramente i tuoi ragazzi hanno tutto da guadagnare da te!
    Ma lo sanno che ogni tanto parli di loro nel tuo blog?

  3. Sciura Pina scrive:

    @Gianluca: Lo sanno, lo sanno, anche se sono in incognito, usando come parole chiave i loro strafalcioni, mi hanno beccata e adesso sono tra i miei assidui lettori 🙂

  4. Fix Me scrive:

    Sciura Pina sei proprio come una prof.ssa dovrebbe essere! Complimenti 😉

  5. Gianluca scrive:

    Beh, allora tra un post e l’altro potresti inserire qualche “compito” per i tuoi ragazzi. 🙂

  6. Franciov scrive:

    E’ molto bello quello che scrivi.. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.