Archivi categoria: i giorni della scuola

Il tempo e i sogni.

Quando i miei ragazzi sono un po’ irrequieti e chiacchierano e si distraggono perdendo tempo, come purtroppo succede abbastanza spesso, di solito interrompo la lezione e faccio una “tirata” che sortisce l’effetto di riportare il silenzio tra i muri dell’aula. … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, i giorni della scuola, personali | Lascia un commento

Un attimo di respiro.

Ogni giorno, dopo il suono dell’ultima campanella della giornata, gli insegnanti dell’ultima ora si ritrovano in aula professori per riporre i libri nei cassetti, per sistemare le ultime “sudate carte”, per respirare un po’. Capita spesso di indugiare, magari per … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, i giorni della scuola, personali | 1 commento

Bulli e pupi.

Ieri siamo andati a teatro e devo dire che raramente  ho visto i miei ragazzi così interessati e coinvolti, ma probabilmente il tema trattato era talmente importante da catturarli. “Bulli  pupi” è uno spettacolo teatrale di e con Tiziano Manzini, … Continua a leggere

Pubblicato in chi è di scena, così è la vita, diritti e doveri, i giorni della scuola | Lascia un commento

Il gioco del silenzio.

Quando ero bambina, alla scuola elementare, si giocava veramente poco, anzi non si giocava proprio infatti l’idea di giocare in classe sarebbe sembrata un’eresia visto che persino i dieci minuti dell’intervallo li passavamo andando ai servizi rigorosamente in fila per … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, i giorni della scuola, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Il “dopo pagella”.

I giorni che seguono la consegna dei documenti che certificano la valutazione del primo quadrimestre (per i non addetti ai lavori le “pagelle”) sono molto particolari: in classe si vive in un’atmosfera un po’ ovattata, in un limbo nel quale … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, i giorni della scuola, personali | Lascia un commento

Per fare uno spillo.

L’economista Adam Smith, nella seconda metà del ‘700, spiegava che per produrre uno spillo era necessario suddividere il lavoro in diciotto operazioni distinte e che, per razionalizzare la produzione, era indispensabile che ogni lavoratore svolgesse una e una sola di … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, diritti e doveri, i giorni della scuola, passato (quasi) remoto | Lascia un commento

Pagelle.

Quest’anno il documento della valutazione quadrimestrale (la pagella come si chiamava una volta) sarà visibile sul registro elettronico: decisamente è un segno dei tempi che cambiano. In fondo se è vero che capita sempre più spesso che si annunci persino … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, i giorni della scuola, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Guide turistiche.

Mi dà un po’ fastidio vedere i gruppi scolastici, in visita d’istruzione a qualche città d’arte, pascolare dietro a una guida turistica impegnata nelle spiegazioni annoiati e un po’ indifferenti, spesso preoccupati solo di scattarsi qualche selfie o di consumare … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, i giorni della scuola, impara l'arte, personali | Lascia un commento

Quasi a metà.

Di solito, quando entro  in una nuova classe e incontro, per la prima volta, i ragazzi con i quali lavorerò per tre anni e i loro genitori (quasi più agitati dei ragazzi stessi), invito grandi e piccoli a riflettere sul … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, i giorni della scuola, personali | Lascia un commento

Tutto finisce.

Visti sul calendario sembravano tantissimi i diciotto giorni di vacanza, eppure sono passati quasi in un lampo tra pranzi e visite a parenti ed amici (alcuni dei quali non vedevo da troppo tempo), tra attese in aeroporto e musei, tra … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, i giorni della scuola, personali | Lascia un commento