Casa Manzoni.

Lecco è la città manzoniana per antonomasia, anche se lo scrittore visse solo per brevi periodi nella città lariana fino a quando, nel 1818, vendette la dimora paterna del Caleotto, tuttavia a Lecco è ambientato il romanzo che lo ha reso celebre e alcuni scorci, come la (cosiddetta) casa di Lucia, la salita dei bravi e il convento di Pescarenico,  facevano parte della sua quotidianità.

La villa del Caleotto è meno sontuosa della dimora milanese dell’età matura, ma regala alcune suggestioni come i ritratti dei Cesari che decoravano lo studio paterno (… e nel romanzo lo studio confusionario del Dottor Azzeccagarbugli) che riecheggiano nel romanzo così come gli aspetti paesaggistici.

La visita non richiede molto tempo, ma regala alcuni frammenti della vita dello scrittore e delle sue opere che contribuiscono a renderlo più a portata di mano.

Lecco - Caleotto

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, in biblioteca, personali, persone e personaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.