Escursione termica.

Dopo una settimana passata nella torrida  pianura, tra afa, zanzare, notti insonni e nessuna voglia di mangiare sono scappata per qualche giorno tra le mie montagne.

Questa notte, quando finalmente ho potuto abbandonarmi ad un sonno ristoratore, non ho potuto fare a meno di constatare che tra il mio letto in pianura e quello in montagna c’era un’escursione termica di quattordici gradi.

Ho chiuso la finestra, mi sono avvolta in un piumino leggero e sono sprofondata in un sonno ininterrotto, profondo e riposante come non mi capitava da molti giorni.

Al risveglio una pioggia sul bosco mi ha procurato persino un brivido leggero e quasi piacevole.

Moggio - Dopo la pioggia

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.