Le signore che si fermano.

Un tempo, quassù in montagna, usare il cellulare era un’impresa, la copertura era un po’ “ballerina” e alcune zone in centro paese sembravano il “triangolo delle Bermuda” (quando si attraversavano alcune vie i telefonini entravano magicamente in stato catatonico).

C’erano però le cabine telefoniche che, soprattutto alla sera, erano animate di piccole folle di nonni e nipotini in attesa di comunicare con il resto della famiglia.

Poi anche qui la copertura è migliorata e, a poco a poco, sono comparsi gli smartphone e così capita abbastanza spesso di incrociare eleganti signore, capelli candidi, borsetta al braccio e occhiali da lettura sul naso, ben piantate in mezzo alla strada (per fortuna qui il traffico è poco) intente a chattare.

Ormai chi si muove per il paese, a piedi o con un qualsiasi mezzo di trasporto, deve mettere in conto il rischio di tamponare un signora che si ferma all’improvviso nel bel mezzo della strada.

“L’uso dei cellulari sta diventando un vero e proprio pericolo” ho scritto ad un’amica su WhatsApp… logicamente digitando il messaggio immobile in mezzo alla strada.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.