Ritorno.

Era da sette anni che non tornavo in Val Biandino e l’ultima volta che ho attraversato la vallata verdissima sopra Introbio, ai piedi del Pizzo dei Tre Signori, non ero sola.

Qui sono stata bene, sono stata serena, ma negli ultimi anni non sono riuscita a tornare quassù per paura di essere travolta da ricordi felici e dolorosi al tempo stesso, per paura di sentire più intensa la mia solitudine.

Oggi, con la complicità di una giornata tersa come avviene raramente, ho deciso di vincere i miei timori e di riempirmi la mente e il cuore del verde di questa conca erbosa dove il silenzio è una presenza, dove i fiori sembrano più profumati.

Ho camminato verso la chiesetta della Madonna della Neve con una presenza silenziosa al mio fianco, ma non ho provato dolore o tristezza, ho provato solo una struggente tenerezza e sono stata avvolta da una dolcissima ondata di ricordi.

Ancora una volta le mie montagne hanno avuto il potere di mettere un cerotto sulla mia anima.

Val Biandino 2018

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.