Un po’ di relax.

La funivia che sale in Artavaggio è vuota in questo lunedì di metà luglio, con il tempo incerto e le nuvole che avvolgono le cime, forse avrei dovuto aspettare un giorno migliore, un tempo migliore, ma non avevo voglia di aspettare e poi la giacca a vento è nello zaino e se dovesse piovere pazienza, prenderò un po’ di pioggia.

I primi passi in quota mi regalano un silenzio profondo, rotto a tratti dal soffio del vento e dal suono di campanacci lontani,  le nuvole corrono nel cielo e a tratti il sole torna a brillare, caldo e confortante.

Anche il rifugio è quasi vuoto, ma forse è anche per questo motivo che l’accoglienza è calorosa e gentile e mi sembra subito di trovarmi tra vecchi amici.

Mentre scambiamo discorsi e parole gli occhi si riempiono di verde e di azzurro e scrutano attenti tutti i dettagli, da una parte un fiore dai colori splendenti, dall’altra un uccellino impegnato nella cattura di un bruco, e la mente finalmente si libera e può galleggiare tra pensieri oziosi.

Questo è veramente relax.

Piani di Artavaggio - lo stagno

Piani di Artavaggio - Caccia grossa

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.