Restituzioni.

Quando, nello scorso mese di settembre, in occasione della manifestazione “Ville aperte in Brianza”, ho visitato la villa Borromeo d’Adda di Arcore i lavori di restauro fervevano, il cantiere era aperto e le impalcature impedivano persino di intuire la bellezza degli affreschi, l’armonia delle sale e l’eleganza di questa “gran dama” offesa e ferita dal passare del tempo e dalle vicende degli uomini.

Oggi il restauro si è concluso (con diversi mesi di anticipo) e la villa ha riaperto i suoi battenti per rivelare la sua bellezza.

I lavori sono stati condotti con grande rispetto dei materiali e delle strutture ed è quindi possibile ritrovare le tappezzerie preziose, le vetrate, i lampadari in vetro di murano, i camini e persino gli infissi con le serrature.

E’ un’emozione incontrare la grande sala da pranzo o la loggetta della musica o la scala elegante che sale al primo piano o, nei sotterranei, la grande cucina con una stufa antica quanto funzionale.

E’ bello quando la storia torna a parlarci attraverso le sue testimonianze che credevamo perdute.

Arcore - Villa Borromeo d' Adda (dopo il restauro)

Arcore - Villa Borromeo d' Adda (dopo il restauro)

Arcore - Villa Borromeo d' Adda (dopo il restauro)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.