Sono tornati i papaveri.

Domenica scorsa mentre passeggiavamo in direzione della chiesetta di Santa Maria in Campo come facciamo ogni anno quando, in occasione del mese di maggio, i volontari della Protezione Civile tengono aperto il piccolo luogo di culto mi sono soffermata sul ponte dal quale la vista della chiesa è particolarmente gradevole.

Laggiù, intorno all’edificio, si stendevano i campi di grano non ancora maturo, non ancora biondo, ma con le spighe già cariche di chicchi e in mezzo al verde si allargava la macchia rossa dei papaveri.

Una volta i campi erano punteggiati di papaveri e fiordalisi e anch’io, bimba di città che di campi di grano ne aveva visti pochini, quando dovevo disegnare una campagna che esisteva quasi unicamente nella mia fantasia, la riempivo di macchie rosse e azzurre che mettevano allegria.

Poi per tanto tempo i papaveri, rossi e delicati come ali di farfalla, sono spariti, annientati dai diserbanti.

Vederli di nuovo nei campi ha un sapore antico.

Cavenago di Brianza - Santa Maria in Campo

Cavenago di Brianza - Santa Maria in Campo

Cavenago di Brianza - Santa Maria in Campo

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *