E poi la Svizzera (di tanto in tanto).

Anche se è troppo vicina per essere esotica, tutta rilievi e vallate e cascate impetuose, ci piaceva ogni tanto attraversare la frontiera e avventurarci attraverso quelle vallate, passeggiando lungo un ghiacciaio e a bordo di un trenino rosso, tanto minuscolo e colorato da sembrare finto.

Ci piacevano i piccoli alberghi ordinati con i balconi fioriti di gerani e di surfinie multicolori, ci piacevano le pasticcerie dove bere un caffè lungo accompagnato da una fetta di torta carica di panna, cioccolato e frutta, ci piacevano fonduta e raclette saporite e accompagnate da un calice di vino bianco gelato.

Ci piaceva sederci in riva ad un lago o fermarci al cospetto di una cascata o camminare in un bosco secolare, ma quello che ci piaceva di più era viaggiare tra montagne diverse dalle “nostre montagne” e scoprire panorami nuovi e soprattutto ci piaceva viaggiare insieme scambiandoci sguardi che erano un solo sguardo.

Sciaffusa (Svizzera) Cascate del Reno

aletschgletscher

Svizzera Trenino dei ghiacciai

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *