I tornelli.

In previsione di un eccezionale afflusso di turisti per il ponte del 1° Maggio Venezia inaugura i tornelli che dovrebbero contribuire a smaltire e deviare il grande numero di visitatori che, generalmente, puntano sul “Triangolo delle Bermuda” tra Rialto e San Marco, anche perchè vengono incanalati da sempre, sulla scia di indicazioni stradali antidiluviane, in percorsi quasi obbligati.

Venezia è una città preziosa e delicata, una città ricca di fascino che attira persone da tutto il mondo e che meriterebbe una visita non limitata ad alcuni luoghi da cartolina, ma che andrebbe valorizzata soprattutto nei suoi aspetti meno noti e meno “turistici”.

Posso capire che chi vi giunge per la prima volta aspiri a raggiungere Piazza San Marco o il Ponte dei Sospiri o Rialto, ma la città ha veramente molto altro da offrire, ha scorci deliziosi spesso sconosciuti come tutta la zona del Ghetto che, inspiegabilmente, è vuota anche nei giorni da “bollino nero”.

Una città così minuscola e fragile andrebbe visitata con maggiore attenzione, magari fermandosi per una notte quando Venezia sembra improvvisamente svuotarsi, andando alla ricerca di quei luoghi silenziosi e particolari che possono regalare al viaggiatore tutta la sua magia.

Venezia - Ghetto - Marzo 2016

Venezia - Notturno - Marzo 2016

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza Categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *