Foto di famiglia.

Quando non esistevano gli smartphone e i selfie erano ancora di là da venire le foto erano meno numerose (anche perché pellicole, sviluppo e stampa avevano un costo) e, di solito, le migliori stavano ben allineate, con tanto di didascalia, in un album o incorniciate in salotto.

La nostra vita non era raccontata per immagini minuto per minuto e le foto si limitavano a sottolineare momenti particolarmente importanti, come una nascita, un matrimonio, una scampagnata con tutta la famiglia, la cerimonia della laurea e quasi tutte le feste comandate che vedevano grandi e piccoli sorridenti intorno ad una tavola imbandita.

Ed era (ed è) divertente ogni tanto tornare a sfogliare un vecchio album  e sorridere delle espressioni buffe o dell’abbigliamento demodè e associare ad ogni immagine un ricordo piacevole o triste e ritrovare emozioni che sembravano dimenticate.

Oggi la nostra vita è fotografata in ogni momento e le immagini scivolano via quasi senza lasciare traccia, senza risvegliare ricordi e spesso senza emozioni.

bambina

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, fotografia, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.