Mille lire.

Per dei ragazzi cresciuti nell’era dell’euro non è facile capire come fosse il mondo delle lire, mi chiedono di “tradurre” e quando spiego loro che mille lire corrispondono a cinquanta centesimi mi guardano divertiti.

Non possono comprendere, i giovani virgulti che oggi non si chinerebbero a raccogliere una monetina da cinque centesimi, che per noi, generazioni della lira, una moneta da cento lire rappresentava un piccolo colpo di fortuna.

E come spiegare loro che, in un tempo ormai remoto, le monete erano sparite, quasi inghiottite nel nulla, ed erano state sostituite dai mini assegni che intasavano le nostre tasche come cartacce inutili?

Con mille lire, poco prima che l’euro sostituisse il tanto rimpianto vecchio conio, si comprava il giornale, si beveva un caffè e si poteva acquistare poco d’altro.

Vimercate - il Must - Mille lire

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *