Giovani dentro.

Sul palco di Sanremo passano i Pooh in ordine sparso, capelli grigi e rughe a profusione, tornano i Decibel (a trentotto anni da “Contessa”) e persino i giovani del Gruppo “Lo stato sociale” si fanno accompagnare da una ballerina ottantenne che si produce in acrobazie incredibili.

E che dire di Baglioni, anche lui in età non più verdissima che fa da spalla a Fiorello, alla Hunziker e a Favino?

Se poi l’ospite d’onore è Gianni Morandi, che era già un artista affermato quando io ero una ragazzina, è evidente che quest’anno il festival punta sui “giovani dentro”, ma forse va bene così.

In fondo Sanremo è pur sempre Sanremo… da ben sessantasette anni.

Cavenago

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, e adesso musica, passato (quasi) remoto, televisione. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Giovani dentro.

  1. Francesco scrive:

    Non vedo più Sanremo, ma qualche anno fa lo vedevo. Non so perché prima lo vedevo e non so neppure perché non lo vedevo adesso. Qualche volta in passato ci ho scritto sopra un post. un saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *