In una sera fredda.

Fa freddo, tra le mie montagne, e cammino imbacuccata lungo la strada ancora ingombra da mucchi di neve, l’aria è frizzante e taglia la faccia, ma non è spiacevole perchè sa di pulito, sa di cielo limpido, sa di vette imbiancate.

La sala del ristorante ci accoglie calda e pulita, l’ambiente è stato ristrutturato ed ora le luci sono soffuse, gli spazi più ampi, la sensazione è quella di un’ospitalità educata, cordiale, attenta.

Mentre scorriamo il menù senza riuscire a deciderci tra le portate, tutte decisamente “da montagna”, la proprietaria si avvicina quasi in punta di piedi e sorridendo posa sulla tavola una lastra d’ardesia con un piccolo assaggio di polenta e brasato accompagnato da qualche fetta di salame nostrano.

Il cibo è buono e insieme al vino aiuta a fugare la sensazione di freddo che mi ero portata dentro, mi sento bene, mi sento rilassata e tranquilla, mi sento coccolata.

Alla fine della cena esco un po’ a malincuore nel freddo della notte, ma porto con me il calore dell’accoglienza e anche la strada del ritorno sembra meno faticosa.

Cassina Valsassina

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, il piacere del cibo, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *