Perchè non cambi niente…

Quando ero bambina la pagella trimestrale (documento di valutazione per gli addetti ai lavori) erano due paginette azzurrine, vergate a mano con un inchiostro parimenti azzurrino (un po’ più cupo altrimenti sarebbe stato illeggibile), con una calligrafia rotonda ed elegante, riportava i voti scritti in lettere (con il mitico “sex” che stava per “sei” perché a nessuno venisse in mente di correggere il voto in “sette”).

Per tutta la mia carriera di studentessa le pagelle hanno cambiato forma e formato, ma comunque riportavano sempre dei numeri scritti a mano.

Quando sono diventata un’insegnante ho scoperto che la valutazione del comportamento era stata sostituita da giudizi elaborati e complessi che andavano trascritti (rigorosamente a mano) sui registri e sulle pagelle, giudizi che dicevano tutto, ma in realtà potevano essere facilmente fraintesi.

Poi c’è stato un breve interludio in cui sono comparse le lettere invece dei numeri.

Poi sono tornati i giudizi, ma questa volta sintetici (dall’ottimo all’esecrabile “gravemente insufficiente”)

Infine si è tornati ai voti numerici, in tutte le materie e nel comportamento, riportati sul registro elettronico e leggibili comodamente da casa da genitori e scolari.

La novità di quest’anno è il ritorno al giudizio sul comportamento stilato su una serie di voci che fanno riferimento alle otto competenze chiave di cittadinanza, condiviso fra tutti i docenti, compilato sul registro elettronico, in poche parole molto simile ai giudizi verbosi e scarsamente comprensibili che stilavo all’inizio della mia carriera quasi mezzo secolo fa.

E mi sorge il dubbio che nella nostra scuola cambi tutto per non cambiare niente.

milano scuola elementare 1963 64
 

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *