Senza un attimo di respiro.

Solo qualche giorno fa gli scaffali del supermercato dove abitualmente faccio la spesa erano ingombri di panettoni e addobbi natalizi e in poche ore hanno lasciato il posto ai dolci tradizionali di carnevale, le chiacchiere per intenderci, alle maschere e ai costumi, ai coriandoli e alle stelle filanti.

Senza un attimo di respiro gli scaffali si riempiono e si svuotano seguendo un calendario che si dilata e non sembra lasciare “tempi morti”: il giorno dopo Halloween scompaiono streghe e vampiri e si materializzano presepi e addobbi, il giorno dopo Carnevale faranno la loro comparsa uova e coniglietti che si volatilizzeranno per lasciare il posto a costumi da bagno, creme solari, ombrelloni e griglie per il barbecue.

E noi, da bravi consumatori disciplinati, ci adeguiamo prontamente al mutare delle atmosfere in un clima quasi frenetico di acquisti sempre un po’ fuori tempo e fuori stagione.

Forse dovremmo tornare ad un tempo quando le feste avevano un senso, quando gli acquisti erano limitati a pochi giorni prima delle occasioni, ma non credo che sia possibile perchè viviamo in un tempo scandito dalla “necessità” di consumare.

Non credo che tutto questo rincorrere il tempo mi piaccia.

Venezia - Carnevale

 

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.