La prima impressione.

Il volo per Baku è abbastanza lungo, ma le cinque ore passano in fretta, tra uno spuntino, un po’ di musica e qualche chiacchiera scambiata con i compagni di avventura.

L’aereo decollato da Milano in mattinata, a causa della differenza di fuso orario di tre ore, atterra che è già buio e la città ci accoglie con le sue luci sfavillanti che accendono gli edifici  eleganti del primo novecento e quelli dalle forme avveniristiche sorti nel giro degli ultimi anni.

Dopo cena usciamo a visitare il Parco Montano sovrastato da tre grattacieli dalla forma di fiamma che, con il loro rutilante variare delle luci, sono lì a ricordare che questa è la terra del fuoco.

La grande spianata è vuota, pulitissima ed elegante e dalla balconata la vista del golfo illuminato si spalanca davanti a noi regalandoci nuove emozioni.

Nonostante la stanchezza del viaggio, nonostante l’atmosfera nuova che ci incuriosisce e che dobbiamo ancora decifrare, la prima impressione è quella elettrizzante della scoperta.

L’avventura è solo all’inizio.

Baku (Azerbaijan) - Parco montano di notte

Baku (Azerbaijan) - Parco montano di notte

Baku (Azerbaijan) - Parco montano di notte

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *