Aria di città.

La città ormai vicina al Natale è tutta un accendersi di luci che le regalano un clima festoso anche se attraversare piazza del Duomo è quasi un’impresa.

Gli accessi ala piazza sono bloccati e bisogna sottostare di buon grado e con pazienza ai controlli piuttosto minuziosi degli agenti muniti di metal detector che presidiano i varchi.

I ragazzi sono piuttosto intimiditi da queste procedure a cui non sono abituati, consegnano riluttanti i tappi delle bottigliette di acqua minerale, mostrano gli zainetti con un sorriso un po’ forzato, ma anche gli agenti sorridono, quasi per rassicurarli e la tensione si stempera.

Poi, dopo la visita al Museo del ‘900, camminiamo velocemente verso la fermata di San Babila, il sole che poco prima illuminava le guglie del Duomo è tramontato e le strade si accendono delle mille luci del Natale, mentre la temperatura si fa più fresca.

I ragazzi hanno imparato presto il ritmo della città, si muovono veloci e sembrano più disinvolti anche se  di tanto in tanto si fanno incantare dalle vetrine illuminate, ma in fondo sono pur sempre ragazzini che vanno a zonzo per le vie di una città tanto più grande del loro paese e le vetrine del Corso sono come una calamita, sono una novità come sono una novità le luci e i suoni e i colori.

Milano

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, impara l'arte, Milano nel cuore. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *