Un difficile dilemma.

La domenica pomeriggio dovrebbe essere dedicata al riposo, alla lettura, ad una passeggiata a coccolarmi un po’, magari standomene raggomitolata sul divano con una tisana profumata e nessun pensiero,

Ma se la settimana di lavoro è stata impegnativa, come l’ultima tutto sommato, alla domenica mi ritrovo con tanto lavoro arretrato e il riposo mi procura solo sensi di colpa.

Mi aggiro per casa, con un umore tendente al nero, incerta se impegnarmi nella stesura definitiva della programmazione coordinata del consiglio di classe o dedicarmi alla pulizia del frigorifero che, temo, rischi a lungo andare di vivere di vita propria.

Dilaniata dal dilemma non so prendere una decisione e poi passo davanti ad una finestra (… e noto, per inciso, che anche i vetri richiederebbero un po’ di olio di gomito) e vedo fuori il sole e il cielo azzurro e le foglie multicolori dell’autunno e mi viene tanta voglia di scappare almeno per mezza giornata alla settimana.

La tentazione è forte e non so resistere, infilo le scarpette da ginnastica ed esco a passeggiare un po’, almeno fino a quando il sole comincerà a scendere sull’orizzonte e la temperatura diventerà più fresca, respiro a pieni polmoni qualche ora di libertà, mi riempio gli occhi di colori e anche il mio umore migliora.

Quando torno a casa sono così contenta che riesco persino a pulire il frigorifero e ad iniziare il lavoro di programmazione.

Cavenago di Brianza - Le foppe

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *