Dove nascono i sogni.

Non ne parliamo tanto, in classe, ma mi rendo conto da certi comportamenti, da certi subitanei ripensamenti, da una gravità finora sconosciuta, che i miei ragazzi stanno in qualche modo cercando di leggere il loro futuro, a metà strada tra le certezze incrollabili e i sogni.

Sono spiriti pratici i ragazzi di oggi ma mi piace pensare che ogni tanto si avventurino nella terra dei sogni, mi piace sperare che ogni tanto si abbandonino ai desideri, quelli che possono sembrare irrealizzabili, ma che sarebbe un vero peccato trascurare.

In fondo se non si sogna a quattordici anni a che età è concesso sognare? Come si fa a rinunciare quando si è così giovani e il mondo appare prodigo di possibilità?

Forse il mio compito dovrebbe essere quello di farli stare con i piedi per terra, ma preferisco vederli volare come aquiloni portati dalla brezza dei loro pensieri liberi.

Per tornare a terra c’è tempo.

Cavenago di Brianza aquilone

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *