L’intervallo.

I ragazzi di terza media hanno il raro privilegio di trascorrere l’intervallo nello spazio dietro l’edificio della scuola, dove ci sono un po’ di alberi, una pista ciclabile e qualche panchina.

Fino allo scorso anno l’intervallo era una specie di incubo visto che i ragazzi si producevano in estenuanti partite di calcio, con cadute sempre ai limiti dell’infortunio, o in tornei di “nascondino” con i ragazzi che si catapultavano contro uno dei muri di recinzione rischiando ogni volta catastrofiche collisioni.

Non c’era verso di convincerli a passatempi più tranquilli e al suono della campanella che annunciava la ripresa delle lezioni l’insegnante di turno tirava un grato sospiro di sollievo rivolto agli angeli custodi (che immaginavo affaticati, madidi di sudore e frastornati).

Quest’anno, almeno per il momento, la musica sembra cambiata, forse l’estate trascorsa li ha fatti maturare un po’ (chi può dirlo: qualche volta i miracoli avvengono) e per ora i ragazzi si limitano a passeggiare chiacchierando  o a sedersi su un muretto o su di una panchina al sole.

Durante un intervallo una ragazza ha addirittura approfittato del poco tempo a disposizione per raccontarmi un libro che stava leggendo (lasciandomi letteralmente di sasso non tanto perchè la ragazzina in questione stesse leggendo un libro quanto perchè avesse sentito  l’esigenza di parlarne con me).

Forse persino i miei scatenatissimi ragazzi stanno finalmente diventando “grandi”

cavenago la nuova ciclopedonale

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *