Partire e tornare.

Non importa quanto sia lungo il viaggio, il ritorno è sempre uguale, mi infilo sull’ascensore trascinandomi trolley e zaino e poi riapro la porta di casa e, di colpo, mi ritrovo nel mio mondo, abituale e rassicurante.

La casa accoglie ogni mio ritorno con la sua quieta quotidianità che non mi riserva mai sorprese, dove potrei muovermi anche senza accendere la luce, dove ritrovo ogni cosa anche nel mio estremo disordine.

Ma sono uno spirito inquieto e non riesco a rintanarmi nella mio tranquillo rifugio e non ho ancora finito di disfare i bagagli che già progetto un nuovo viaggio e pregusto nuove mete e nuove atmosfere.

La casa è il “mio” luogo dove tornare con un po’ di nostalgia e da dove ripartire quando mi prende il desiderio di cambiare e una sorta di insofferenza per la mia serena quotidianità.

In volo verso Londra

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *