La meraviglia.

Anche se due giorni sono veramente pochini per visitare una città come Londra, così vasta, così ricca di monumenti e di atmosfere, non ho potuto fare a meno di dedicare un po’ di tempo al British Museum che, fin da quando ero una ragazzina e per la prima volta ho studiato il Partenone di Atene, avevo sognato di visitare per poter vedere da vicino le metope e le grandi statue dei frontoni del tempio.

Non riesco a spiegare l’emozione incredibile di camminare lentamente lungo le pareti del museo, con gli occhi incollati alle sculture, belle di una bellezza commovente, antiche e modernissime al tempo stesso.

Non riesco a spiegare l’incanto e la meraviglia di seguire con lo sguardo le linee eleganti delle figure avvolte in pepli che sembrano sottili e impalpabili anche se scolpiti nel marmo.

E mentre i miei occhi si perdevano nella contemplazione, la mente era sommersa dai ricordi di tante cose  amate nella mia giovinezza, di uno studio duro, ma mai faticoso perchè mi aveva dato l’incredibile opportunità di avvicinarmi ad una cultura tanto ricca da segnare la mia vita e da lasciare un’impronta indelebile nella persona che sono oggi.

DSCN2629

DSCN2624

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, i giorni della scuola, impara l'arte, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *