Silenziosi ospiti.

Finito il pranzo (o la cena) raccogliamo le bucce della frutta e della verdura e le gettiamo in giardino, sulle balze di ulivi e macchia mediterranea che cresce rigogliosa e profumata tra tra cielo e mare.

Non si tratta di un tipo di raccolta differenziata creativo e neppure di un sintomo di scarsa civiltà e attenzione per l’ambiente, si tratta invece di qualcosa di completamente diverso.

Lo si capisce dopo pochi minuti quando, zampettando silenziosi tra i muretti a secco così tipici della Liguria, cominciano ad apparire i daini, solitari o in piccoli gruppi, le femmine giovani seguite dai cuccioli timorosi e malfermi.

Guardinghi annusano le bucce e poi velocemente mangiucchiano i resti e, quando hanno fatto piazza pulita, alzano lo sguardo verso il balcone in attesa di qualche altro boccone, ma se dal cielo non arriva più nulla si dedicano a brucare l’erba secca e i rami bassi contribuendo così a mantenere pulito il sottobosco.

Se ne stanno lì, placidi e silenziosi, senza apparente timore dell’uomo.

Solo un’altra presenza li mette in allarme: l’arrivo di qualche cinghialetto intenzionato a condividere il desco.

Bergeggi

Bergeggi

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *