Alle prime luci dell’alba.

Ho trascorso qualche giorno a casa di amici, una casa con un fantastico balcone affacciato sul mare della riviera di Ponente, e ho passato molto tempo con gli occhi pieni di azzurro ad ascoltare il suono continuo della risacca.

Mi piace alzarmi presto, in punta di piedi, e sedermi al balcone per osservare il mare e la spiaggia ancora vuota, con gli ombrelloni chiusi e i gabbiani che zampettano sull’arenile indisturbati.

La superficie delle onde si accende dei riflessi del sole appena spuntato, centinaia di scaglie luminose come scintille che si rincorrono sempre uguali, poi cominciano ad arrivare, alla spicciolata, i bagnanti più mattinieri: si siedono in riva al mare, camminano sulla battigia, si godono la spiaggia completamente vuota, prima che si affolli di suoni.

Mi sembrano ombre cinesi che si confondono con le geometrie degli ombrelloni ancora chiusi, sembrano quasi irreali, non ancora persone, ma semplici forme nella luce dell’alba.

Bergeggi

Bergeggi

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, fotografia, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *