Le mura venete.

La città di Bergamo, dall’eleganza e bellezza talora ingiustamente sottovalutate, ha ottenuto pochi giorni fa un meritato riconoscimento da parte dell’Unesco che ha iscritto le “Mura Venete”, che circondano la città alta, nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità.

L’imponente costruzione, che risale al XVI ed è praticamente intatta visto che, nei secoli, non ha subito le ingiurie di eventi bellici rilevanti, fu voluta dai Veneziani per proteggere la città che, tra il Ducato di Milano e il collegamento, attraverso la Valbrembana, con il Canton Grigioni rivestiva un ruolo strategico di grande importanza.

Le mura hanno uno sviluppo di circa sei chilometri e sono ben visibili dalla pianura, come è ben visibile, quasi a testimoniare la ricchezza e la potenza della città, la “Porta Bella” (in realtà Porta di San Giacomo) che il viaggiatore che proviene da Milano può scorgere, bianchissima ed imponente, anche da lontano.

Sono felice per questo giusto riconoscimento che spero dia maggiore visibilità a Bergamo, una città veramente stupenda e vivibile.

Bergamo

Bergamo

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, impara l'arte, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *