La magia di Anogi.

Anogi è un minuscolo villaggio, arroccato in cima all’isola in un paesaggio carsico quasi lunare punteggiato da cipressi e macchia mediterranea e ulivi contorti,  è un piccolo insediamento di età medievale, sorto nei tempi lontani quando vivere troppo vicino alle coste poteva essere pericoloso e poi, a poco a poco, quasi abbandonato tanto da sembrare oggi un paese fantasma.

Bastano pochi minuti per visitarlo, ma il tempo sembra fermarsi quando si entra nella chiesetta bizantina della Panagia, ricca di affreschi dai colori brillanti e dalle forme inconfondibili, o quando, dopo una breve passeggiata, ci si trova al cospetto di imponenti monumenti megalitici che sembrano conficcati nel terreno dalla mano enorme di una divinità arcaica, o quando ci si ferma per un caffè alla greca in un piccolo locale che è al tempo stesso caffè ed emporio ed abitazione come avveniva anche nelle nostre campagne tanto tempo fa.

La magia di Anogi è tutta qui: nel tempo dilatato, nel silenzio, negli sguardi che scrutano senza farsi notare, nelle pietre antiche come il mondo.

Anogi - Itaca (Grecia)

Anogi - Itaca (Grecia) - Chiesa di Panagia

Anogi - Itaca (Grecia)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La magia di Anogi.

  1. Nadia Redaelli scrive:

    grazie Sciurapina di fermare l’emozione con le parole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *