Maggio.

Nella più pura tradizione cattolica maggio è il mese dedicato alla Madonna, il mese in cui si recita con più fervore il rosario e la gente del paese (sempre meno numerosa per la verità) si spinge spesso a piedi al di là dell’autostrada per partecipare alle funzioni nella chiesetta antica di Santa Maria in Campo.

Fino a qualche anno fa la Messa veniva celebrata ogni sera e molti, approfittando del clima finalmente primaverile, si concedevano una passeggiata al calar delle tenebre per raggiungere il piccolo luogo di culto.

Quando ero bambina, invece, durante il mese di maggio, nella chiesa vicina alla scuola, si celebrava una breve funzione prima dell’inizio delle lezioni, si pregava un po’, ci si impegnava a fare dei “fioretti” (così si chiamavano le piccole rinunce che allora erano parte integrante dell’educazione), si riceveva un mitico tagliandino che avrebbe permesso, alla fine del mese, di partecipare ad una gita ambitissima e poi si andava a scuola.

Non mi dispiaceva alzarmi un po’ prima del solito per ritrovarmi in chiesa con le mie compagne e condividere un momento di preghierae: forse, a ben guardare, la cosa importante non era pregare, ma stare insieme qualche minuto di più.

Anche quei momenti, quei fioretti, quella condivisione mi hanno aiutato a crescere.

Cavenago di Brianza - Chiesa di Santa Maria in campo

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *