Questione di mira.

Non tutti abbiamo una mira da Guglielmo Tell: per esempio se io avessi dovuto centrare la mela posta sulla testa di un figlio con una freccia avrei avuto dei seri problemi, a meno che la mela non fosse stata della dimensione di una grossa anguria e io non mi fossi trovata a meno di dieci passi di distanza.

Mi rivolgo in particolare alla persona (o alle persone) che, approfittando del ponte del Primo Maggio, per questioni meteorologiche propendo per la giornata di domenica, hanno deciso di fare un picnic alle Foppe, ma purtroppo, a causa di evidenti difficoltà di coordinazione mano-occhio, non sono riuscite a liberarsi dei rifiuti centrando ‘l’apposito sacco, benché di grandi dimensioni, ma hanno sparso cartacce e stoviglie di plastica in un raggio di alcuni metri.

Tuttavia se dovesse trattarsi non di persone con evidenti difficoltà, ma più semplicemente di persone maleducate, non ci sarebbero proprie giustificazioni.

Ed è inutile anche lamentarsi per la sporcizia sparsa ovunque e per il fatto che nessuno si preoccupi di pulire.

Il primo passo per un ambiente pulito consiste nell’evitare di sporcarlo.

Cavenago di Brianza - Le foppe

Cavenago di Brianza - Foppe (maggio2013)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, ecco perché mi lamento, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *