Bulli e pupi.

Ieri siamo andati a teatro e devo dire che raramente  ho visto i miei ragazzi così interessati e coinvolti, ma probabilmente il tema trattato era talmente importante da catturarli.

“Bulli  pupi” è uno spettacolo teatrale di e con Tiziano Manzini, messo in scena da Pandemomium Teatro, che racconta, con la modalità sempre immediata del teatro di narrazione, la storia di due ragazzi, entrambi vittime di episodi di bullismo, con esiti diametralmente opposti.

Sul palcoscenico buio l’attore è circondato da una scenografia essenziale: un pallone e una lavagna delineano simbolicamente i luoghi e gli ambiti in cui è più facile che si manifestino prepotenze e vessazioni.

Le storie si dipanano tra la meschina crudeltà dei “bulli”, e la colpevole connivenza dei “pupi”, di coloro che non guardano, non si fanno coinvolgere, restano indifferenti, o peggio, con il loro atteggiamento sottilmente complice di spettatori, non trovano la forza e la voglia di difendere le vittime che restano irrimediabilmente sole, in una solitudine che ingigantisce i problemi e  le paure fino a renderli insopportabili.

Sono contenta che i ragazzi abbiano seguito il racconto con una concentrazione carica di riflessione e di compassione.

Cavenago - scuola

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in chi è di scena, così è la vita, diritti e doveri, i giorni della scuola. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *