Milano ai tropici.

Una volta c’erano gli orti di guerra e Piazza del Duomo aveva visto la sua pavimentazione trasformata in un campo di grano (un po’ come in una  pubblicità degli anni novanta) con tanto di contadini intenti alla mietitura.

I tempi sono cambiati e il verde pubblico ha assunto un ruolo di arredo urbano: un po’ dappertutto spuntano aiuole profumate  e alberelli, talora dall’aspetto sofferente, che ingentiliscono gli  angoli della città altrimenti tristi e un po’ grigi.

In Piazza del Duomo, invece, “grazie”  alla proposta vincitrice presentata da Starbucks in risposta al bando del Comune, sono spuntate delle improbabili palme  e degli altrettanto improbabili banani che inquadrano da lontano la facciata elegante della cattedrale.

Immagino già i commenti taglienti dei meneghini d.o.c., solitamente irridenti e critici, combattuti nell’incertezza tra Milano Marittima e la periferia di Marrakech.

Forse sarebbe stato  più adeguato allo spirito della città piantare dei gelsi infatti, come recita il proverbio: “A Milàn anca i muròn fan l’uga”.

Marocco - Palmeto di Marrakech

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, Milano nel cuore, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *