Ritratto di donna con valigia.

Se mai dovessi farmi dipingere un ritratto vorrei che si intitolasse così e probabilmente mi rappresenterebbe a figura intera, con il cappellino e gli occhiali da sole, la macchina fotografica appesa al collo e l’immancabile trolley (dorato e ormai tutto ammaccato dai passaggi traumatici nelle stive dei vari aerei dove è stato imbarcato) al seguito.

Questo è il mio ritratto perchè il viaggio mi appartiene, mi piace, mi fa stare bene, perchè mi trovo a mio agio in un aeroporto o in una stazione, perchè amo sedermi e vedere il mondo che scorre fuori dal finestrino, perchè arrivare in una nuova città (vicina o lontana non importa) mi dà sempre un brivido, mi mette addosso una energia positiva e il desiderio di camminare, di vedere, di conoscere, di imparare.

Le immagini, le impressioni, le esperienze di viaggio mi tengono compagnia quando torno a casa e mi accompagnano nella vita di tutti i giorni, divisa tra casa e lavoro, regalandomi una carica che mi permette di affrontare ogni giornata con serenità

Poi, quando la carica sta per esaurirsi, è il momento di rifare la valigia e partire.

Milano Stazione Cadorna

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *